3 opere d’arte da non perdere a Capodanno a Firenze

25 ottobre 2011

in Toscana, Viaggi e vacanze

Accetta i cookie per vedere questo contenuto

Siete a Firenze per Capodanno, e avete prenotato una casa vacanze in affitto?
Vi consigliamo di approfondire la conoscenza di tre splendide opere d’arte recentemente restaurate ed offerte alla visione del pubblico.

1. Gli affreschi della Cappella Brancacci.
Rimasto miracolosamente indenne dall’incendio che nel 1771 devastò il convento del Carmine di Firenze, l’affresco del ciclo delle storie di san Pietro, commissionato dai Brancacci, ricca famiglia di commercianti, venne eseguito da Masolino e dal Masaccio tra il 1422 e il 1425, e completato da FIlippino Lippi qualche anno più tardi.

Arte a Firenze - Masaccio

Fu proprio il Masolino, pittore già affermato, a chiamare il giovanissimo Masaccio a collaborare alla realizzazione dell’opera. L’impronta del giovane artista si rivelò subito geniale: l’innovativo e moderno uso delle luci e delle ombre e dello spazio prospettico rivoluzionò la pittura fiorentina e preparò la strada per il rinascimento europeo. Dopo la prematura morte dell’artista, avvenuta a solo 27 anni, il Masolino portò sapientemente a termine da solo gran parte dell’opera. Le scene più stupefacenti della cappella, rimangono comunque quelle dipinte dal genio ribelle di Masaccio e e il recente restauro, che ha restituito una splendida brillantezza e vivacità all’opera, permette finalmente di apprezzarla al meglio.

2. La Madonna del Cardellino.
L’opera fu dipinta da un giovane Raffaello Sanzio intorno al 1506, e fu in parte rovinata a causa del crollo del palazzo che la ospitava. Il sapiente lavoro di restauro dell’Opificio delle Pietre Dure di Firenze, durato ben nove anni, ci ha restituito tutti i dettagli di un capolavoro straordinario. L’opera è ora conservata agli Uffizi.

Arte a Firenze - Raffaello
Foto: fonte WikiPedia

3. Il David di Donatello.
Il restauro del celebre David di Donatello, effettuato nel 2008, è durato 18 mesi, ed i visitatori del Museo Bargello di Firenze, dove l’opera è attualmente conservata, hanno potuto seguirlo in diretta. La splendida opera in bronzo, uno dei capolavori del Quattrocento fiorentino, commissionata probabilmente da Cosimo de Medici, è geniale nella sua inquietante ambiguità e nella rappresentazione realistica del David come un uomo del suo tempo.

Donatellos David in the Bargello Museum

Accetta i cookie per vedere questo contenuto

Ti potrebbe anche interessare:

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

Previous post:

Next post: